27 aprile 2012

Orzo risottato

Torno a casa con in testa l'idea di fare un risotto con zucchini, gamberi e moscardini, infatti sono passata dalla pescheria e la mia borsa contiene il pesce, lo devo solo pulire, le zucchine che devo solo affettare e il riso lo trovo nella dispensa. Mi ghiaccio, cerco da tutte le parti, ma il riso è stato finito e non riacquistato, mi sembra di non avere alternative.
Riguardo, anche cambiando prospettiva, ma il risultato non cambia. Non è possibile, io predico che l'organizzazione ci fa risparmiare tempo e tengo sempre il biglietto della spesa in bella mostra dove deve essere norma appuntare tutto ciò che finisce. Non si può fare tutti i giorni la spesa, la benzina ha subito un'impennata tale, che la macchina è veramente diventata un bene di lusso, è qui che si fa di nuovo strada l'organizzazione, quando accendiamo il motore lo dobbiamo fare per sopperire a più bisogni.
Avevo già annunciato un risotto, e il risotto dovevo fare.  L'orzo!!!! Si l'ho sostituito con l'orzo.


ORZO 
E' uno tra le più antiche graminacee, penetrata in Europa prima del grano, adesso è coltivata in quasi tutte le parti del mondo adattandosi molto bene a tutti i clima e terreni anche quelli poco fertili.
La semina si effettua in ottobre-novembre e febbraio-marzo ed ha un ciclo vegetativo abbastanza 
corto  in alcune varietà si riduce a tre mesi.
Avendo pochissimo glutine si presta a una panificazione di focacce e di pani azzimi, lo troviamo usato 
adesso nelle popolazioni del Nepal e del Tibet per la confezione dei loro pani.
Nell'alimentazione usiamo l'orzo "mondo" o integrale più ricco di proprietà vitali e l'orzo  "perlato"con meno fattori nutrizionali quindi impoverito, come succede nella raffinazione del riso. 
I chicchi, dalla macinazione, offrono la farina e i fiocchi d'orzo e tostato il chicco, previa macinatura, ci offre la possibilità di gustarlo come bevanda.

Avevo già pronto il brodo vegetale e dopo aver pulito il pesce ho preparato il risotto di orzo:
ho affettato sottilmente un piccolo cipollotto di Tropea, gli zucchini 2 li ho fatti a striscioline fini, 
i gamberetti e i moscardini tutto insieme in una padella con un goccio di olio. Al momento che
il pesce ha procurato liquido ho versato l'orzo e allungandolo con il brodo vegetale caldo l'ho portato a cottura.  Sono passati molti minuti prima che giungesse in tavola, l'orzo si è bevuto molto brodo, ma il risultato non ha fatto rimpiangere il riso.                                   


Nessun commento:

Posta un commento

Spaghettino